IL RITORNO IN ITALIA DELLA SALME REALI – Comunicato del nostro Segretario Nazionale

COMUNICATO del nostro segretario nazionale, Simone Balestrini, sul ritorno in italia delle salme della Regina Elena Del Montenegro e di Vittorio Emanuele III e la loro collocazione nel santuario di Vicoforte.
Condividi su:

COMUNICATO del nostro segretario nazionale, Simone Balestrini, sul ritorno in italia delle salme della Regina Elena Del Montenegro e di Re Vittorio Emanuele III e la loro collocazione nel santuario di Vicoforte.

 

Milano, 18/12/2017

Di solito mi occupo di attualità monarchica, ma penso sia doveroso fare un personale chiarimento sulla vicenda.

Un ringraziamento al Presidente delle Repubblica che, dopo quasi 70 anni , ha dato un segnale importante di valorizzazione della memoria storia che nostro Paese. Un fatto che, nonostante critiche e colori politici, avvia un processo di pace con il passato, che per lungo tempo é stato dimenticato o tramandato con un’immagine non fedele alla realtá dei fatti. Un passato che rappresenta le basi della nostra nazione unita e che incarna la nostra identitá nazionale. Ora più che mai dobbiamo esserne orgogliosi. Certo, la storia di un Paese é positiva e negativa, ma nulla bisogna dimenticare.
Un ringraziamento anche all’impegno instancabile e proficuo di SAR la principessa Maria Gabriella per poter portare in patria i propri nonni e i nostri re, re Vittorio Emanuele III e la regina Elena.
Ora il mio auspicio é che tutte le salme reali tornino in Italia e riposino al Pantheon, il luogo degno nella capitale per celebrare per la nostra prestigiosa storia nazionale, iniziata nel 1861 e non nel 1946, luogo accessibile a tutti gli italiani con maggiore facilità.
Sono fiducioso che i fatti di questi giorni non siano la conclusione di un difficile passato, bensí portino al riavvicinamento delle istituzioni e del popolo italiano alla nostra storia comune condivisa e al rispetto di Casa Savoia che ha dato molto al nostro Paese.
Ora tutti dovrebbero accettare il nostro passato ormai lontano per vivere in un’Italia moderna e libera. La monarchia mai è stato fascismo. Il fascismo si è concluso 70 anni fa. La #monarchia è viva e promuove, più delle repubbliche, la democrazia e la modernità.

(nella foto rendo omaggio alle Reali Tombe a Vicoforte)