“Arte e Motori”: una giornata per la bellezza di Saronno

Ieri, 2 giugno 2021, si è svolta la manifestazione “Arte e Motori” a Saronno. L’iniziativa, promossa dal Rotaract Club Saronno, in collaborazione con le Associazioni “Cantastorie” e “Scuderia Savoia Cavalleria, con il Patrocinio del Comune di Saronno e la Comunità delle Chiese di Saronno, è stata ideata per raccogliere fondi per il restauro della splendida Chiesa di San Francesco, edificio dal valore artistico inestimabile sito stessa cittadina Lombarda.

Una giornata all’insegna della bellezza e dell’arte, in ogni sua forma, con il comune denominatore dell’importanza della conservazione e del restauro, di cui noi, oggi stesso, dobbiamo sentirci responsabili al fine di tramandare il nostro patrimonio artistico e culturale alle future generazioni.

Gli studenti e i volontari dell’Associazione Cantastorie, durante l’arco della giornata, hanno sapientemente organizzato visite guidate per cittadini e turisti nella Chiesa di San Francesco e nel Santuario della Beata Vergine dei Miracoli, alla scoperta di tesori così vicini ma per molti sconosciuti.

 Alle 15.30, nel piazzale dello stesso Santuario, l’arrivo del corteo di auto storiche guidato dal Presidente della “Scuderia Savoia Cavalleria”, Andrea Boezio Bertinotti Alliata, alla guida di una splendida Fiat 503 Torpedo del 1926.

Tra le più di 25 auto partecipanti, ha senza dubbio spiccato una storica Saronnese che mancava dalle strade da quasi 75 anni: una Isotta Fraschini 8C Monterosa, dal nome della via in cui sorgeva la sede Milanese della nota fabbrica di automobili lombarda, eccellenza italiana dei primi decenni del ‘900, che diede i natali ad alcune tra le più belle auto al mondo.

Oltre alle due auto citate, nel corteo anche una Fiat 2008 Torpedo, del 1939, che fu proprietà di Re Vittorio Emanuele III, passata poi alla Presidenza della Repubblica dove restò in “servizio” fino agli anni ’60.

Il corteo ha poi concluso la corsa in Piazza della Libertà con lo schieramento delle auto al completo. Un modo per ricordare alle persone di un mondo in cui l’auto non era un semplice mezzo utile per gli spostamenti, ma una vera e propria forma d’arte, passione, artigianalità e bellezza: il Made in Italy ante litteram.

La giornata si è conclusa con la visita di tutti i collezionisti intervenuti presso l’Archivio Storico di Casa Lazzaroni, sotto la guida di Paolo Lazzaroni e del figlio, Luca.

Un ringraziamento particolare a Simone Balestrini, Presidente del Rotaract di Saronno e nostro Presidente e fondatore, per il grande lavoro organizzativo svolto in piena collaborazione con tutti gli enti coinvolti.

Elisabetta Gavetti, Resp. Comunicazioni, Giovani Monarchici

©2021 Associazione Giovani Monarchici - all rights reserved

Log in with your credentials

Forgot your details?